Cupola del Duomo di Firenze

Fra le cose da vedere a Firenze non possiamo non indicare la Cupola del Duomo di Firenze. È un must se sei a Firenze per due giorni, una settimana o un mese. È un’esperienza che va fatta: salire fino alla cima è una emozione unica, la vista vale assolutamente la fatica e camminare toccando i mattoni del 1400 ti fa vivere la storia come un vero salto nel passato.

Cose da vedere a Firenze: la cupola del Duomo di Firenze

La costruzione della magnifica cupola del Duomo ravvivò la competizione fra Brunelleschi e il Ghiberti che 17 anni prima aveva visto vincitore il Ghiberti per la costruzione delle porte del Battistero.

Nel 1418 l’opera del Duomo bandì un concorso per la presentazione di un progetto per la realizzazione di quella che sarebbe diventata la cupola simbolo di Firenze. Furono presentati 12 progetti ma solo quelli dei due grandi maestri furono presi in considerazione.

Se diciassette anni prima Brunelleschi si vedeva sconfitto dal Ghiberti nella competizione per la realizzazione della formella della seconda porta del Battistero, diciassette anni dopo fu il suo innovativo progetto a vincere il concorso per la costruzione della cupola.

I problemi per costruire la cupola del Duomo di Firenze

Arnolfo sicuramente, nel suo progetto iniziale, aveva pensato di concludere la cattedrale con una cupola, ma rispetto al progetto iniziale chi avesse dovuto continuare la sua opera  avrebbe incontrato molto problemi.

  • La base della cupola del duomo era stata allargata notevolmente ed era diventata un ottagono imperfetto. Nessuno conosceva delle tecniche per costruire una cupola cosi grande e cosi ampia.
  • Il peso della cupola del duomo sarebbe stato enorme (oggi si conta circa 27.000 tonnellate)
  • Le strutture che avrebbero dovuto sostenere la cupola del duomo durante tutta la costruzione sarebbero state troppo costose e avrebbero richiesto l’utilizzo di una notevole quantità di legno che Firenze non sapeva dove trovare. L’unica fonte di legname per L’opera del Duomo era il bosco di Camaldoli nel Casentino, concesso dalla Signoria fiorentina nel 1378.

Il progetto di Brunelleschi

Brunelleschi presentò un progetto basato su un metodo di calcolo tramite il quale poteva eliminare l’uso delle centine (intelaiature di legno con le quali venivano costruiti gli archi) La storia vuole che fu preso per pazzo.

Sai cosa fece decidere all’Opera di usare il progetto del Brunelleschi nonostante nessuno conoscesse i dettagli del progetto e fosse considerato un progetto troppo ambizioso? La possibilità di risparmiare una notevole somma di denaro, dato che non si sarebbe costruita la struttura portante per la costruzione della cupola? No! Brunelleschi propose di dare la progettazione della cupola all’architetto che fosse stato in grado di tenere un uovo in posizione verticale su di un piano di marmo. Nessuno ne fu capace, tranne Brunelleschi che ruppe leggermente l’uovo su uno dei due lati. Con il fondo appiattito l’uovo rimase ritto. Brunelleschi disse che questa era una semplice soluzione se vista a posteriori. Allo stesso modo se lui avesse rivelato i suoi piani tutti sarebbero stati capaci di costruire la cupola vedendo il suo progetto.

La costruzione della cupola del Duomo di Firenze

Nel 1422 iniziava la costruzione della cupola del duomo di Firenze: una cupola auto portante. I progetti del Brunelleschi non sono arrivati fino a noi, ma sappiamo che la costruzione si doveva sviluppare per anelli concentrici di mattoni a strati successivi che si reggevano a vicenda mentre la cupola cresceva. Brunelleschi usò il metodo a spina di pesce affinché i mattoni non scivolassero data la notevole inclinazione verso l’interno. La cupola è formata da due calotte: una interna e una esterna. La struttura interna regge tutta la struttura e quella esterna. La struttura esterna protegge quella interna dalle intemperie.

I lavori andarono avanti per sedici anni, durante i quali si registrò una sola morte di un operaio caduto dalle impalcature a causa del troppo vino bevuto. Brunelleschi impose la mescita di vino esclusivamente annacquato. Inventò anche nuove macchine per il trasporto dei materiali.

Nel 1436 si concludeva la costruzione della cupola del duomo di Firenze (lanterna esclusa.)

Martina e Caterina le guide delle Residenze a Firenze saranno felici di accompagnarvi nella visita della cupola del Duomo di Firenze se prenoterete una delle nostre Residenze. Le opportunità sono tante e i tour per scoprire tutti i segreti di Firenze anche. 

Ti aspettiamo. Prenota la tua Residenza